.
descrizione
Nelle democrazie contemporanee, la capacità di giudicare la buona e la cattiva politica sembra a volte un’impresa quasi impossibile o, altre volte, un compito così severo da produrre sfiducia e distacco, apatia o scetticismo nei confronti di un’attività, che a sua volta diventa opaca e lontana. Una faccenda remota e separata, rispetto alle questioni di vita di uomini e donne, che condividono l’eguale status di cittadinanza.

Vai all'home page di:
Pubblica amministrazione e Innovazione

Area Formazione
agenda
membri 342
loading...
loading...
loading...
loading...
loading...
cerca

feed di Fare la politica bene Feed RSS

post

In queste ore convulse

contributo inviato da ULTIMISSIME il 6 ottobre 2009

 

In queste ore convulse
Una domanda serpeggia angosciante in tutti i computer del Web:
Simona Ventura, indossa le mutande in trasmissione?
 
 
Franceschini:
"Penso che fatto trenta il presidente del Consiglio possa fare trentuno, magari approvando una specie di super lodo Alfano che blocchi anche i processi civili: per le alte cariche dello Stato vengono bloccate le sentenze di risarcimento danni per tutta la durata del loro mandato".
 
Dario, kekazzofai? Suggerisci?
 
 
Berlusconi: "Viene voglia di andare all’estero".
E che aspetti?
 
In nessun paese al mondo avremmo un premier così. Per essere chiaro, voglio prescindere dall’esito dei processi di ieri e di oggi, e perfino, se possibile, dalla rilevanza penale dei fatti che sono emersi. Ma è però incontrovertibile che Silvio Berlusconi, prescrizione o no, abbia pagato o fatto pagare magistrati. Così come da Palermo, quale che sia la qualificazione giuridica di questi fatti, emergono fatti e comportamenti oscuri di cui qualcuno, Berlusconi in testa, dovrà assumersi la responsabilità politica”.
( Capezzone, 11 dicembre 2004 commenta la condanna di Marcello Dell’Utri)
 
 
(Gonfalonieri a la Repubblica 25 giugno 2000)
"La verità è che, se Berlusconi non fosse entrato in politica, se non avesse fondato Forza Italia, noi oggi saremmo sotto un ponte o in galera con l'accusa di mafia. Col cavolo che portavamo a casa il proscioglimento nel Lodo Mondadori."
 
 
Paolo Romani
E' sottosegretario in carica allo Sviluppo Economico con delega alle Comunicazioni, ma non tutti sanno che è soprattutto assessore agli Affari di Famiglia (famiglia Berlusconi, of course). Si chiama Paolo Romani e non ha remore nel confessare pubblicamente che ha accettato di fare l’assessore all’Urbanistica del Comune di Monza perché c’era “da risolvere un problema che è una spina nel fianco della famiglia Berlusconi”. [..] Così, vinte le elezioni a Monza, Romani viene spedito a fare l’assessore comunale all’Urbanistica. Ruolo nel quale si fa onore, perché organizza la vendita della Cascinazza alla Brioschi dei Cabassi, che pagano a Paolo Berlusconi 40 milioni, ma sottoscrivono una clausola che prevede una “integrazione” del prezzo al doppio o forse al triplo, nel caso di “valorizzazione” di quei terreni.
 
L’assessore, diventato nel frattempo sottosegretario nel IV governo Berlusconi si mette perciò di buzzo buono e presenta nei giorni scorsi una variante generale al Piano di Governo del Territorio per valorizzare quell’appezzamento fin qui di assoluta inedificabilità.
Quale migliore occasione dell' Expò del 2015?
 
La variante Romani prevede infatti un “primo utilizzo” dell’area per l’Expò e poi un “riutilizzo dell’edificato con le seguenti destinazioni: direzionale, produttivo, residenza, edilizia residenziale convenzionata, artigianale espositivo, commerciale, intrattenimento, centro ricreativo bambini e ragazzi, centro anziani, centro per l’innovazione tecnologica nell’impresa, spazio espositivo per mostre continue, teatro, Spa e centro di medicina estetica, asilo nido, scuola materna, campo sportivo, sedi di Protezione Civile, Croce Rossa, Carabinieri, Banca d’Italia”. […] Così, varata la variante, i Cabassi dovranno pagare a Paolo Berlusconi un altro pacco di milioni. E l’assessore agli Affari Familiari, a operazione compiuta, potrà dimettersi a Monza e andare a Roma a curare per il capo, dalla sua poltrona di sottosegretario alle Comunicazioni, il licenziamento di tutti quei comunisti che infestano la Rai. (Alberto Statera)
link dell'intervista a Romani: http://www.youtube.com/watch?v=xkwGnKxvh70
 
Aldo Vincent
 
AVVISO AI NAVIGANTI
 
In questa pagina appaiono solo i tre ultimi articoli in ordine di tempo. Per leggere gli arretrati ciccare ULTIME NOVITA’ a sinistra in alto
 
LA SATIRA PIU’ BECERA È QUI:
http://www.giornalismi.info/aldovincent
 
 
DIVENTA MIO AMICO SU FACEBOOK:
 

 


commenti:


inserisci un commento


Registrati ora al Cannocchiale per inviare un commento,oppure registrati direttamente al gruppo per partecipare attivamente con i tuoi articoli e post.
Se sei già registrato, effettua prima il login al cannocchiale o al gruppo.


informazioni sull'autore
ISCRITTO DAl
21 dicembre 2008
attivita' nel GRUPPO