.
descrizione
Nelle democrazie contemporanee, la capacità di giudicare la buona e la cattiva politica sembra a volte un’impresa quasi impossibile o, altre volte, un compito così severo da produrre sfiducia e distacco, apatia o scetticismo nei confronti di un’attività, che a sua volta diventa opaca e lontana. Una faccenda remota e separata, rispetto alle questioni di vita di uomini e donne, che condividono l’eguale status di cittadinanza.

Vai all'home page di:
Pubblica amministrazione e Innovazione

Area Formazione
agenda
membri 342
loading...
loading...
loading...
loading...
loading...
cerca

feed di Fare la politica bene Feed RSS

post

Votazione Online dall'Estero: la tecnologia utilizzata non impedisce in alcun modo le frodi.

contributo inviato da roc_germ il 23 ottobre 2009

 Compagni, (ma si usa ancora? è fuori luogo?...)

 
mi trovo costretto a denunciare un problema che mi sembra di fondamentale criticità per la salute del partito.
 
Oggi, nell'informarmi sulle modalità di voto per le Primarie, ho fatto una scoperta decisamente sgradevole.
 
Ho scoperto che il voto online potrà essere utilizzato in maniera massiccia per alterare il risultato delle votazioni.
 
La sostanza è che la verifica dell'identità si limita ad un controllo sul numero cellulare. Avendo molteplici cellulari, si possono inviare molteplici voti. La registrazione online richiede un numero di documento: ma sono accettati anche documenti stranieri. Sono certo (è tecnicamente impossibile già per i documenti italiani, figurarsi per un numero di documento indicato come russo, cinese o anche semplicemente francese) che non avverrà nessuna verifica sull'effettiva corrispondenza dei numeri di documento dichiarati. Altra grave falla del sistema è che la registrazione al voto online destinata agli elettori residenti all'estero è pienamente accessibile da qualsiasi computer italiano, con il solo requisito per l'utente di una minima padronanza dell'internet e in particolare del funzionamento dell'internet protocol (la verifica sulla nazione di residenza dell'utente è affidata ad un basilare check sull'Indirizzo IP, io stesso ho potuto alterare in modo semplice e veloce il mio IP anche accedendo da un computer e da un network per i quali non dispongo di nessuna credenziale di "amministrazione" - scrivo dal protettissimo centro di calcolo dell'Università dove studio). Non spiego il metodo (ma è davvero semplice e veloce, chi sa di cosa parlo e ha voluto provare ha già impostato il tutto, ancora prima che l'utente medio abbia finito di leggere questa parentesi), perché tengo ad un esito delle primarie coerente con le volontà degli elettori, piuttosto mi preoccupo per la scarsa attenzione dedicata al problema, e mi chiedo quale enorme danno ci potrebbe causare utilizzando questa falla una qualsiasi entità interna o esterna al partito che abbia interesse ad alterare il risultato elettorale.
 
Mi chiedo, sopratutto, perché sia stato scelto un sistema di protezione del voto così "leggero": viene il dubbio che qualcuno abbia interesse a rendere queste primarie una manifestazione mediatica fine a se stessa, in cui non conti il voto finale ma semplicemente il fatto che le primarie "si sono fatte".
 
Spero di suscitare interesse nella base e nella dirigenza, dalla quale mi permetto di attendere risposte.
 
Sono a disposizione del partito per osservazioni di natura tecnica.

commenti:


inserisci un commento


Registrati ora al Cannocchiale per inviare un commento,oppure registrati direttamente al gruppo per partecipare attivamente con i tuoi articoli e post.
Se sei già registrato, effettua prima il login al cannocchiale o al gruppo.


informazioni sull'autore
ISCRITTO DAl
23 ottobre 2009
attivita' nel GRUPPO